Cerca la tua sede

La donazione in tre punti

  1. Il sangue è un importantissimo tessuto non riproducibile in laboratorio che può salvare la vita di molte persone
  2. In Italia ogni anno vengono trasfuse oltre 3 milioni di unità di emocomponenti (oltre 8mila al giorno) e più di 800mila kg di plasma sono utilizzati per la produzione di farmaci plasmaderivati
  3. Per diventare donatori occorre avere un’età compresa tra 18 anni e i 60 anni, un peso non inferiore a 50 Kg e godere di buona salute

News & Media

News

26.02.2020
Selezione e condivisione dei rischi legati alla donazione, si chiude la prima fase del progetto Transpose
25.02.2020
Donare il sangue come gesto d’amore. Il messaggio di AVIS dal Carnevale di Fano 2020
25.02.2020
sacche sangue
Coronavirus, raccomandazioni ai donatori. Rafforzate le misure di sicurezza del Cns
24.02.2020
Emergenza Coronavirus, sospese le attività associative di AVIS e le assemblee comunali nelle Regioni coinvolte
23.02.2020
Coronavirus, il presidente Briola tranquillizza i donatori: «Il nostro sistema trasfusionale è sicuro»
22.02.2020
Prima regola, mantenere la calma: su Facebook il vademecum di AVIS contro il Coronavirus

Eventi

Emergenza Coronavirus, ecco gli eventi dei prossimi giorni che sono stati rinviati

Il provvedimento è stato reso necessario a seguito delle precauzioni poste in essere nelle ultime ore

Italia

15.03.2020

Magazine

Video

Testimonianze

  • Ho deciso di diventare donatore di sangue appena compiuti 18 anni. Successivamente ho svolto il Servizio Civile nella sede AVIS della mia città e ora mi occupo delle attività all’interno delle scuole, affinché sempre più giovani possano scegliere di mettersi in gioco in prima persona.

     

    Tommaso
    donatore dal 2009

  • Dopo aver scoperto di avere una neoplasia al sistema linfatico, ho iniziato un ciclo di chemioterapie e trasfusioni di sangue. La guarigione è avvenuta grazie a un trapianto di midollo osseo e da quel momento ho deciso di dare il mio contributo ad Avis, raccontando la gioia che si prova a ricevere un dono così prezioso come il sangue.

     

    Laura
    grata ad AVIS dal 2003

  • Ho iniziato a donare da giovanissimo, grazie anche a mio padre che mi aveva dato il buon esempio. Da allora AVIS è entrata a far parte della mia vita e non mi ha più lasciato! Posso assicurarvi che ogni volta che si compie questo gesto la soddisfazione è sempre la stessa!

     

    Carlo
    donatore dal 1969

  • Tre anni fa ho preso una delle migliori decisioni della mia vita: donare il sangue. Verso la fine del 2016, poi, un’e-mail mi informava che l’AVIS della mia città cercava collaboratori. Mi sono gettata a capofitto in un percorso che mai avrei immaginato essere così gratificante, perché ha rafforzato la mia idea di poter rendere il mondo un posto migliore.

     

    Irene
    donatrice dal 2015

  • Da piccola mi è stata diagnosticata la talassemia. Per vivere necessitavo di continue trasfusioni, che sono proseguite fino al giorno del trapianto di midollo osseo, nel 1984. Ora posso guardare la vita con occhi diversi e pieni di gratitudine verso chi, in modo anonimo e gratuito, ha reso tutto ciò possibile. È una gratitudine profonda, che mi ha spinto a diventare diretta portavoce del messaggio di AVIS.

     

    Antonella
    grata ad AVIS dal 1979

  • La donazione di sangue è diventata un vero e proprio impegno personale quando un carissimo amico si è ammalato di leucemia. Ho capito, in quel momento, quanto possa essere importante la generosità di tutti. Ho sentito molto forte il bisogno di diffondere e di far comprendere la cultura del Dono in tutte le sue forme e per questo motivo mi sono impegnato sempre di più all’interno dell’Associazione.

     

    Raffaele
    donatore dal 2001

Attendi