Cerca la tua sede

Partner Avis
12.05.2004

Condividi su

Scuderia Italia e Ferrari insieme all’AVIS per promuovere il “dono rosso” e la solidarietà

L’autosufficienza di sangue ed emoderivati in Italia è il “traguardo” dell’AVIS
(Associazione Volontari Italiani Sangue). Siamo convinti che anche nel mondo
dello sport una tale missione debba venire propagandata il più possibile.
In particolare nel settore dell’automobilismo dove il binomio sangue-automobile è sempre,
purtroppo, visto in senso negativo e dove il pubblico che segue le varie manifestazioni è sempre
più numeroso.

Buona parte del sangue che si consuma in Italia, da informazioni forniteci
proprio dall’AVIS, serve per far fronte ai bisogni delle vittime di incidenti
stradali. Siamo convinti che gran parte degli incidenti stradali siano dovuti
ad una non corretta cultura della guida. Per ovviare a questo una piccola parte,
basata sull’esempio della correttezza di guida e della professionalità in
pista, possiamo farla anche noi. Vogliamo far nostro il motto dell’Avis: “Il
sangue non si versa invano sulle strade, si dona…”

E’ anche per questo che abbiamo accolto con entusiasmo la proposta di Avis
Nazionale di propagandare, attraverso le nostre auto ed i nostri piloti in
gara durante il Campionato mondiale FIA-GT 2004, il logo della benemerita associazione
in tutti i circuiti ed attraverso i vari momenti legati alla nostra attività.
Oltre che entusiasta, tutto il team si è sentito davvero onorato di
essere stato scelto e contattato da AVIS al fine di ricordare a tutti quanto
bisogno ci sia, non solo in Italia ma in tutta Europa, di donatori di sangue
volontari, non remunerati e periodici.

Già dall’ultimo
Gran Premio di Magny Cours, il 2 maggio, le nostre tre Ferrari hanno gareggiato
con il logo Avis in evidenza, mentre il pilota attualmente in testa al Campionato,
Fabrizio Gollin, porterà per tutta la stagione, cucito sulla tuta, lo
stesso logo. Ringraziamo Fabrizio, che da sempre è amico e testimonial
dell’Avis, di aver voluto coinvolgere in questa opera di sensibilizzazione
alla solidarietà tutta la Scuderia.

Ecco alcune
fra le iniziative già abbozzate con l’incaricato di Avis Nazionale ,
Beppe Castellano: presenza costante del logo Avis sulle tre Ferrari 550 Maranello
durante prove e gare e su tute e caschi dei piloti che (come Gollin) accetteranno
di portarlo; la realizzazione di immagini con la “presenza” Avis che potranno
poi diventare gadget comuni; presenza di una Ferrari della scuderia in eventuali
grandi iniziative di propaganda Avis a livello nazionale; interventi coordinati
sui mass media; scambio di banner sui rispettivi siti web.

Non mancheremo poi di rimarcare in ogni occasione, pubblica e non, le motivazioni
di questo bella alleanza fra due squadre “vincenti” come l’Avis e la BMS –
Scuderia Italia sperando di raggiungere, insieme, i rispettivi traguardi.

Tiziano Minuti

Direttore Sportivo – BMS
Scuderia Italia

Attendi