Cerca la tua sede

Sport e solidarietà: scattano le Avisiadi
28.09.2006

Condividi su

Inizieranno domani pomeriggio, presso il centro sportivo di Sportilia (Fc), le Avisiadi, le olimpiadi organizzate dai giovani volontari Avis.
L’evento vedrà la partecipazione di 150 giovani atleti, divisi in 15 squadre in rappresentanza di 13 regioni italiane. Gli atleti, sia maschi sia femmine, si sfideranno in gare di calcetto, atletica leggera (100 mt e salto in lungo), tiro alla fune e in una spettacolare caccia al tesoro notturna.
Le Avisiadi saranno aperte da un convegno sul valore dello sport e della donazione, alla presenza del giornalista sportivo Marino Bartoletti.
“Saranno tre giorni – commenta il presidente di Avis nazionale, Andrea Tieghi – utili a comprendere lo stretto legame tra i valori dello sport e della donazione. Fare attività fisica significa tenere in forma il proprio corpo ed essere quindi con maggiori probabilità donatori di sangue. Chi non è in buono stato di salute, infatti, non può essere ammesso alla donazione di sangue”.
“Questa manifestazione – prosegue Tieghi – vuole essere un inno alla vita e all’entusiasmo giovanile, componente fondamentale dei valori dell’altruismo e della solidarietà”.
“ Una partecipazione così ampia di ragazzi e ragazze – spiega Aurora Di Lenola, coordinatrice nazionale dei giovani Avis – testimonia che il volontariato è straordinariamente capace di unire i giovani e di mettere in risalto i valori positivi che essi hanno”.
Nel corso della tre giorni sportiva saranno distribuite ai partecipanti le magliette realizzate dagli studenti dell’Accademia della comunicazione di Milano e premiate nel corso dell’ultima Assemblea nazionale di Avis.

Attendi