Cerca la tua sede

Insieme per smascherare la celiachia
20.03.2010

Condividi su

Sabato 20 marzo 2010, presso la Fiera di Bergamo (via Lunga, Bergamo),
nell’ambito dell’assemblea annuale di Avis, si terrà alle 14.30, in
collaborazione con l’azienda ospedaliera “Ospedali Riuniti” di Bergamo
la presentazione dei progetti:

Promozione della donazione di cellule staminali da cordone ombelicale
che avrà l’obiettivo di sensibilizzare il territorio bergamasco su
questa tipologia di donazione. Il cordone, infatti, contiene del sangue
(detto placentare) ricco di cellule staminali, le stesse del midollo
osseo, capaci di generare miliardi di globuli rossi, di globuli bianchi
e di piastrine: gli elementi fondamentali del sangue. Donare il sangue
del cordone ombelicale vuol dire, quindi, sfruttare le potenzialità di
queste cellule impiegandole  nella cura della leucemia e di altre
malattie.

Con “Smaschera la celiachia” si avvia invece lo screening di circa
30.000 donatori periodici iscritti all’Avis per la malattia celiaca. Si
tratta del più grande studio osservazionale mai condotto in Europa. Gli
obiettivi sono quelli di valutare la prevalenza della celiachia e dei
geni correlati alla malattia in una popolazione asintomatica o con
sintomi lievi e aspecifici; valutare l’impatto che la celiachia allo
stato latente ha avuto in relazione a una eventuale carenza di ferro in
un donatore periodico e prevenire questo problema; valutare in termini
di costi diretti ed indiretti l’impatto della diagnosi tardiva di
celiachia.

Il programma:
14.30: saluti delle autorità
Intervengono Marcello Raimondi, sottosegretario alla Presidenza della
Regione Lombardia; Massimo Giupponi, direttore sociale Asl di Bergamo e
Carlo Bonometti, direttore generale azienda ospedaliera “Ospedali
Riuniti di Bergamo”

14.45: presentazione dei progetti
Intervengono Oscar Bianchi, presidente Avis provinciale di Bergamo,
Claudio Sileo, direttore sanitario azienda ospedaliera “Ospedali
Riuniti di Bergamo”, Barbara Giussani, responsabile sanitaria Unità di
raccolta Avis Provinciale di Bergamo.

Attendi