Anziani più attivi se volontari da giovani
09.02.2017

Condividi su

Fare volontariato da giovani ha benefici significativi sulla vita comunitaria delle persone anziane. Sono queste le conclusioni di uno studio decennale pubblicato su un’importante rivista scientifica che si occupa di terza età: il Journal Gerontology Social Science. «La partecipazione a gruppi di volontariato è particolarmente importante per gli anziani che non ricoprono altri incarichi sociali», ha osservato Emiliy Greenfield, professore associato di lavoro sociale alla Rutgers University a New Brunswick e autrice principale dello studio.
I ricercatori hanno seguito 1.957 diplomati delle scuole superiori del Wisconsin fino all’età di 72 anni, con delle analisi più approfondite a intervalli di alcuni anni.
I focus periodici riguardavano le attività comunitarie, religiose, sindacali, scolastiche, sportive, politiche, caritatevoli e assistenziali. I risultati hanno evidenziato che la partecipazione al volontariato era mediamente più elevata attorno ai 30-40 anni per poi diminuire verso i 60-70 anni. Un dato però è emerso con evidenza: chi è stato coinvolto in attività extracurricolari durante gli anni di liceo ha avuto maggiori probabilità di rimanere coinvolto nelle attività comunitarie per tutta la vita.

Attendi