Venti di partecipazione: i primi 20 anni del Forum Terzo Settore
18.12.2017

Condividi su

Si è svolta venerdì 15 dicembre l’assemblea pubblica del Forum Nazionale del Terzo Settore, “Venti di partecipazione”,  in occasione del suo 20° compleanno. Un evento che ha visto la partecipazione, oltre che dei soci dei Forum, anche dei “vecchi e nuovi amici” dei 20 anni trascorsi, e di personalità istituzionali, tra cui il ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali Giuliano Poletti, il sottosegretario Luigi Bobba e il viceministro delle Politiche agricole Andrea Olivero.

Il Forum Terzo Settore oggi rappresenta la maggioranza assoluta del non profit italiano,  con  141.000 enti sugli oltre 300.000 censiti dall’Istat.

20 anni di storia e di partecipazione non fanno però perdere di vista le sfide per il futuro:

“Sfide – ha dichiarato la Portavoce del Forum Claudia Fiaschi – che riguardano tutte le dimensioni della vita delle comunità umane. Le vecchie soluzioni sociali mostrano la propria insufficienza e le organizzazioni, tutte, sono oggi chiamate a cambiare per continuare a fare la propria parte rispetto alle trasformazioni di questo tempo. Sono in molti, oggi, a dire che il futuro dell’economia o è sociale o non è.”

Si inserisce nel discorso sulle prospettive e gli scenari futuri, il dibattito sulla riforma del Terzo settore: “Questo processo ci ha visti profondamente coinvolti nel ridisegnare ruolo e responsabilità, orizzonti di impegno, regole e strumenti per il Terzo settore italiano – ha proseguito la Portavoce -. L’impianto della riforma ci convince, anche se non è privo di criticità: ci sono infatti parti non sufficientemente chiare e che richiedono urgentemente una interpretazione”.

Durante la mattinata si è svolta la Tavola rotonda “I nuovi Venti: consigli per il futuro”: alla domanda “quali nuovi venti per il Terzo settore” ha risposto anche il sottosegretario del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali Luigi Bobba, che ha sottolineato l’importanza di ricostruire legami sociali dotati di senso e di seguire la sfida lanciata  dalla sharing economy di generare valore sociale condiviso. Con lui si sono confrontati il presidente della Fondazione CON IL SUD Carlo Borgomeo, il direttore ACRI Giorgio Righetti, il Presidente dell’ASviS Pierluigi Stefanini, che ha sottolineato il legame naturale tra il Terzo settore e un orizzonte di sviluppo sostenibile, il presidente di CSVnet Stefano Tabò, l’economista Leonardo Becchetti, il Coordinatore della Consulta APS Giancarlo Moretti, la Coordinatrice della Consulta Economia Sociale Eleonora Vanni e Ilario Moreschi della Consulta Volontariato.

Al Ministro Giuliano Poletti le conclusioni. Nel suo intervento ha ribadito il ruolo fondamentale del Forum Terzo Settore per la stesura della riforma, la sua importanza per la società e l’economia del Paese. Sul Reddito di Inclusione, approvato grazie anche al contributo dell’Alleanza contro la povertà (di cui il Forum è tra i soci fondatori), il ministro ha espresso la volontà di dare maggiore infrastruttura alla nuova misura, raggiungendo in modo efficace i territori. In questo, ha concluso Poletti, il Forum Terzo Settore potrà dare una grande mano.

All’assemblea “Venti di partecipazione” è stata conferita la “Targa del Presidente della Repubblica”, ed è arrivato  il messaggio del Presidente del Consiglio.

Nel corso dell’Assemblea, un richiamo ad un atto di civiltà e responsabilità da parte di istituzioni e forze politiche rispetto al dibattito in corso sullo Ius soli, invitando alla sua tempestiva approvazione.

Qui l’abstract del rapporto “Le Reti del Terzo settore” ; qui, l’abstract del rapporto “Il Terzo settore e gli obiettivi di sviluppo sostenibile”. Qui, infine, le Linee Guida per un Codice di Qualità e Autocontrollo.

fonte: ufficio stampa FORUM TERZO SETTORE

Attendi