Pescara, 8 marzo di prevenzione
07.03.2018

Condividi su

Pescara, con Avis per prevenire il tumore al seno

 

Diagnosi precoce, informazione, tutela della propria salute.

 

A Pescara la prevenzione passa anche attraverso l’Avis. Ne sanno qualcosa le donne che l’8 marzo, giornata in rosa per eccellenza, si sono sottoposte a visita ed ecografia per la prevenzione del tumore al seno nei locali dell’Avis comunale (dove c’è anche il Centro di raccolta). “Un’iniziativa pilota, gratuita, alla quale hanno partecipato venti donatrici di diverse età – spiega il presidente di Avis Pescara Vincenzo Lattuchella – che ha fatto da apripista ad una campagna più ampia, con la quale vogliamo raggiungere più soci possibili con giornate a cadenza periodica. L’idea è di toccare diversi ambiti, come quello delle malattie cardiovascolari, fino alla prevenzione tramite la genetica. Vogliamo dare ad Avis un’immagine diversa – continua Lattuchella –facendo della prevenzione un punto di forza, perché Avis non sia solo donazione”. A rendere possibile questo primo screening, che ha evidenziato alcune patologie in fase iniziale dimostrando da subito la validità della prevenzione, sono stati la dott.ssa  e ecografista dell’Avis, Eugenia di Primo, e Paolo Noccioli del team di Senologia dell’ospedale di Ortona.

 

Si sono messi a disposizione a titolo gratuito, come il socio Stefano Scibilia per la realizzazione della locandina e dello slogan “Il tumore al seno può colpire anche te. Combattilo con la prevenzione”. A dare una mano anche le ragazze del Servizio civile Avis Ilaria, Giorgia e Federica e un’altra donna, Giulia, per la parte fotografica. Una forte presenza femminile, così come tra le donatrici che a Pescara sono 797: 20 tra i 18 e i 25 anni, 175 tra i 26 e i 35, altre 225 tra i 36 e i 45 anni, 240 tra i 46 e i 55 e 137 oltre i 56 anni.

 

Numeri destinati a crescere, dato che l’iniziativa dell’8 marzo ha registrato un’impennata della richiesta di informazioni sull’iter per l’idoneità al dono proprio da parte di tante donne.

 

Michela Rossato

Hey! I am first heading line feel free to change me

Anche questo articolo è inserito nel numero online di AVIS SOS di questa settimana disponibile a questo link. Buona lettura!

Attendi