Cerca la tua sede

L’involontario – L’eccezionale normalità dei grandi gesti
13.04.2018

Condividi su

L’INVOLONTARIO

di Giulio Sensi

 

L’eccezionale normalità dei grandi gesti

 

Ha fatto molta notizia la storia della classe di una scuola primaria di Riccione che ha organizzato un vero e proprio piano di aiuto in emergenza per un compagno di classe di nove anni che soffre di crisi di epilessia. Dopo lo shock del primo attacco – proprio durante una lezione di alcuni mesi fa – e la diagnosi di “anomalie epilettiformi interessanti”, la maestra Elena Cecchini ha raccolto gli alunni: niente panico, basta essere organizzati. Al rientro in classe del bambino, appare un cartello appeso in classe con tutti gli incarichi di emergenza: se il compagno ha un attacco, ciascuno sa cosa fare. Un piano che serve evidentemente a molte cose: a far accettare al ragazzo il suo problema, a far superare la paura e il trauma ai compagni, a portare avanti idee mica da poco: la prevenzione della risposta alle emergenze, la cooperazione nella risposta ai problemi, la voglia di aiutare gli altri.

 

I giornalisti, facendo il loro mestiere, hanno enfatizzato “l’eroismo” di questi bambini. Al contrario andrebbe celebrata l’eccezionale normalità del piccolo grande gesto educativo che li vede protagonisti: non sono eroi, sono “solamente” ragazzi che vengono educati con valori che hanno il diritto di conoscere. Perché essere educati a donarsi per l’altro significa preparare i bambini ad essere cittadini responsabili.

 

“Se ci diamo una mano, i miracoli si faranno e il giorno di Natale durerà tutto l’anno” scriveva Gianni Rodari, uno che di bambini e di favole se ne intendeva parecchio. Così i miracoli diventano normali e qualsiasi cosa accada nella loro vita questi bambini sapranno benissimo cosa fare. “Questi ragazzi -ha scritto commossa la mamma del ragazzo su facebook- stanno dando prova di un altruismo immenso. Un domani non esiteranno a dare una mano a chi incontreranno in difficoltà lungo la loro strada. È l’esempio che la scuola è davvero una palestra di vita”.

Attendi