Dall’Università La Sapienza di Roma un’app per monitorare la presenza delle zanzare
26.06.2018

Condividi su

D’estate, si sa, le zanzare rappresentano un fastidioso problema per tutti noi e possono costituire un veicolo di diffusione di alcune malattie pericolose per l’uomo.

Tra queste, non possiamo dimenticare il West Nile Virus, trasmesso da particolari ceppi di zanzare come quello denominato culex, che il Centro Nazionale Sangue sta monitorando anche quest’anno su tutto il territorio nazionale. Attenzione particolare, inoltre, va posta nei confronti di virus tropicali come dengue, chikungunya e lo zika, che possono giungere in Italia attraverso il sangue di viaggiatori provenienti da aree endemiche. Questi, se punti da alcune specie di zanzare presenti sul nostro territorio (prima fra tutte quella tigre), possono infettare le zanzare stesse che, dopo alcuni giorni, sono a loro volta in grado di trasmettere questi virus ad un’altra persona tramite una nuova puntura.

 

Per rispondere all’esigenza di rilevare capillarmente la presenza delle zanzare nel nostro Paese, il Laboratorio Social Dynamics del Dipartimento di Fisica dell’Università La Sapienza di Roma, con il supporto del Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente, ha dato vita al progetto ZanzaMapp (sito web www.zanzamapp.it).

 

Si tratta di un’applicazione per smartphone e tablet (disponibile per IOS e Android), che consente di segnalare facilmente il punto geografico in cui è stata riscontrata la presenza degli insetti, l’orario, la quantità ed eventualmente di inviare una fotografia per l’identificazione certa della specie. L’app mette a disposizione degli utenti anche una serie di schede informative per riconoscere le varie specie di zanzare, i rischi ad esse connessi e alcuni suggerimenti per evitarne la proliferazione. Offre, inoltre, la possibilità di sottoporre quesiti a esperti e di segnalare le azioni di disinfestazione effettuate per verificarne l’efficacia.

 

Un progetto utile a tutti, quindi, che unisce e crea un filo conduttore tra scienza e cittadino per uno scopo comune: la difesa della nostra salute.

Attendi