Cerca la tua sede

Rinnovato il protocollo d’intesa tra i donatori di sangue e l’ANCI
08.08.2018

Condividi su

Questa mattina i rappresentanti delle associazioni e federazioni di donatori di sangue – Giampietro Briola e Aldo Ozino Caligaris di AVIS Nazionale e Fidas, il vicepresidente di Fratres Vincenzo Manzo e Nicola Scarfò in rappresentanza di Croce Rossa Italiana – hanno rinnovato il protocollo d’intesa con l’ANCI – Associazione Nazionale Comuni Italiani, rappresentata dal presidente e sindaco di Bari Antonio Decaro.

 

Rafforzare il senso di solidarietà e sostenere la cultura del dono sensibilizzando anche i giovani cittadini è l’obiettivo di questo importante protocollo. Attraverso i Comuni e i sindaci l’impegno è quello di promuovere una campagna nazionale di sensibilizzazione al dono del sangue come importante gesto di partecipazione alla vita sociale della propria comunità”, ha commentato Decaro.

 

Il protocollo, di durata triennale, vuole portare avanti attività continuative di confronto per garantire in modo stabile il raccordo e le comunicazioni tra il sistema dei Comuni e quello di AVIS, Fidas, Fratres e Donatori di sangue della Croce Rossa Italiana per intraprendere azioni di informazione che coinvolgano la popolazione per la diffusione della cultura della salute e della solidarietà attraverso la donazione di sangue e di emocomponenti, al fine di garantire l’autosufficienza di sangue, emocomponenti e medicinali plasmaderivati.

 

“Si tratta di un atto volto a rafforzare il legame con i Comuni su tutto il territorio nazionale al fine di condividere attività di sensibilizzazione al dono del sangue e degli emocomponenti, e a condividere obiettivi comuni, nella consapevolezza delle peculiarità di ciascuna realtà associativa. Un importante protocollo soprattutto in un periodo, come quello estivo, in cui si riscontra la sistematica carenza di sangue. Per questo invitiamo cittadini e donatori periodici a compiere un gesto di solidarietà”, hanno dichiarato i responsabili associativi presenti.

 

La firma di oggi per il sistema sangue acquista un duplice valore: da una parte, infatti, l’intesa vuole promuovere, sostenere e sviluppare iniziative volte alla crescita, tra tutte le componenti della cultura del volontariato in generale e del dono del sangue e dei suoi componenti in particolare, quale atto di partecipazione alla vita sociale e civica del territorio di appartenenza e di educazione alla solidarietà; dall’altra per la prima volta l’accordo con l’ANCI coinvolge tutte e quattro le sigle maggiormente rappresentative in Italia che fino ad oggi avevano portato avanti il rapporto istituzionale in maniera separata”.

 

Questa collaborazionesottolinea il Presidente di AVIS Nazionale, Gianpietro Briola – rappresenta la continuità di un percorso virtuoso, che la nostra Associazione ha intrapreso a partire dal 2011 con la firma di un primo protocollo con ANCI e Federsanità. L’accordo è stato poi rinnovato nel 2015, dando così ulteriore stimolo a una sempre più proficua sinergia tra le sedi locali della nostra Associazione e le amministrazioni comunali”.

Attendi