Cerca la tua sede

A Copenaghen la 3^ conferenza europea sulla salute e la gestione del donatore
07.09.2018

Condividi su

Si svolge a Copenhagen, dal 5 al 7 settembre, la Terza Conferenza Europea sulla Tutela della Salute e Gestione del Donatore (ECDHM): circa 200 partecipanti per una tre giorni di presentazioni e dibattiti su temi legati tanto agli aspetti relazionali che sanitari della cura del donatore di sangue, a cura di relatori provenienti da servizi trasfusionali e realtà accademiche di diversi Paesi del mondo. Tra questi anche il dott. Giuliano Grazzini, precedente direttore CNS, con una presentazione sulla riduzione del rischio residuo di trasmissione di Epatite C ed HIV che, oltre a dimostrare che il rischio complessivo di trasmissione è estremamente basso nei nostri donatori, evidenzia l’opportunità di valorizzare ed introdurre la donazione “differita” su tutto il territorio nazionale.

Parallelamente ai lavori della Conferenza, è allestita una mostra dei poster con cui gli enti e le associazioni partecipanti illustrano le rispettive ricerche/iniziative di maggior rilievo.

AVIS, che è rappresentata in questa occasione dal Presidente Nazionale dott. Gianpietro Briola e da Alice Simonetti, componente dell’Esecutivo Nazionale responsabile per i progetti internazionali, ha presentato due poster: il primo dedicato alla pubblicazione “La VIS di Avis”, che ha mostrato l’impatto sociale dell’attività dell’Associazione all’interno del panorama italiano, e il secondo ai risultati del questionario “Testa o cuore”, riferita invece alle percezioni e conoscenze dei donatori – ma non solo – in tema di infezioni sessualmente trasmissibili e abitudini di vita corrette.

 

Per il presidente Briola “la nostra partecipazione a questo tipo di conferenze internazionali, anche attraverso l’esposizione di poster, ha sempre due scopi principali: il confronto con le diverse realtà trasfusionale e il riaffermare il modello della donazione di sangue volontaria, periodica e associata, che è anche sinonimo di maggior qualità e sicurezza, ribadendo la centralità del donatore di sangue e del malato, che rimangono i protagonisti di ogni atto di medicina  trasfusionale”.

 

La IV Conferenza ECDHM si terrà ad Amburgo nel 2020.

Attendi