Cerca la tua sede

A Pieve Torina l’asilo rinasce dopo il terremoto
18.10.2018

Condividi su

Fare comunità ed essere vicini ai bisogni della popolazione dopo la tragedia del terremoto.

E’questo il senso della donazione di cui si è resa capofila, negli ultimi giorni, l’Avis maceratese di Pieve Torina. Grazie a un contributo di 9.000 euro, la nostra sede marchigiana ha dato un aiuto importantissimo per l’avvio dei lavori dell’asilo, distrutto dal terremoto del 2016.

“Nell’ottobre di due anni fa – ci spiega la presidente, Antonella Spurio – il 98 per cento degli edifici di Pieve è crollato. Anche la nostra sede ha subito la stessa sorte. Oggi, però, Avis ha la possibilità di svolgere le proprie attività in un container e non ha mai perso di vista l’importanza di sostenere la propria comunità. Grazie così alla vicinanza e all’amicizia di tante sedi avisine, dal nord al sud d’Italia, è stato possibile raccogliere una cifra abbastanza significativa per Pieve di Torina”.

 

L’assegno è stato consegnato al sindaco, Alessandro Gentilucci, che ha dichiarato: “Un’altra dimostrazione di vicinanza e di generosità che viene dalla gente comune. se abbiamo potuto ricostruire le nostre scuole distrutte dal terremoto, e non solo, è stato grazie alla grande sensibilità degli italiani, di privati cittadini, che hanno voluto fare la loro parte concretamente per ridare alla nostra comunità una speranza tangibile di futuro. A tutti loro non potrà mai mancare la nostra gratitudine”.

L’inaugurazione della scuola dell’infanzia dovrebbe essere in programma il prossimo 12 dicembre.

Attendi