Cerca la tua sede

Servizio civile, la storia: quando da volontari si diventa formatori
06.12.2018

Da volontaria a formatrice, la storia di Luisa Sgarra in Avis è fatta di tante esperienze vissute insieme e condivise. Luisa ha 35 anni, è in Avis dal 2004 e dal 2007 si occupa della formazione generale per i volontari del servizio civile Avis. “Con i ragazzi si instaura un rapporto di empatia e dialogo che mi porta a diventare per loro un vero e proprio punto di riferimento” dice Luisa, che in Avis riveste anche il ruolo di presidente della sezione comunale di Trani, ma è anche vice presidente Avis Puglia e segretaria del consiglio provinciale della Bat.

Quella che Luisa porta avanti in Puglia per i volontari del servizio civile è una vera e propria formazione umana, attraverso l’interazione e la partecipazione. “È l’esperienza che fa la differenza – dice – per questo condivido con loro la mia testimonianza da volontaria, perché il volontariato è capace di darci tanto soprattutto perché è capace di far crescere le persone”. Grazie alla collaborazione con l’ufficio del servizio civile nazionale di Avis, qualche anno fa, a Luisa è stata data l’opportunità di partecipare a un corso in Spagna. “Quell’esperienza mi ha fatto crescere molto e mi ha restituito tante competenze”, gran parte delle quali le sono state riconosciute nell’ambito del progetto FQTS (Formazione quadri terzo settore), il percorso di formazione rivolto alla qualificazione delle risorse umane del non profit delle regioni meridionali della Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Sardegna e Sicilia. Queste competenze trasversali le sono state riconosciute dall’Università Roma Tre e oggi costituiscono un suo personale bagaglio culturale di cui andarne fieri.
Luisa è anche una giornalista freelance; dalla sua esperienza e dal percorso formativo con i volontari del servizio civile della Puglia è arrivata l’idea di mettere in piedi una testata giornalistica. Si chiamerà “Avisiamoci” e sarà il nuovo periodico regionale che da poco ha ottenuto la registrazione in Tribunale.

 

 

Ottavio Cristofaro

 

 

Condividi su

Attendi