Cerca la tua sede

Brescia, la tecnologia di Poliambulanza per controllare il cuore dei donatori
25.02.2019

Condividi su

Tecnologia e innovazione sono parole chiave per un numero sempre maggiore di nostre sedi.

Un esempio arriva dall’Avis provinciale Brescia, dove i donatori potranno eseguire un elettrocardiogramma e ricevere in pochissimo tempo il referto di un medico del Dipartimento Cardiovascolare di Fondazione Poliambulanza senza che questi debba lasciare l’ospedale.

La refertazione a distanza è resa possibile dalla partnership tra l’ospedale (una struttura no profit con oltre 100 anni di storia) e CardioCalm, azienda leader in Italia nel settore della telecardiologia.

 

“Siamo onorati della collaborazione con Avis – commenta Alessandro Triboldi, Direttore Generale di Fondazione Poliambulanza-. Rappresenta infatti un’ulteriore e importante conferma di apprezzamento del servizio di telecardiologia da noi erogato. Ma non solo. È il primo passo per dare il via ad una serie di iniziative di sensibilizzazione e prevenzione, che vedono Avis e Poliambulanza attivamente impegnate. Inoltre attraverso il supporto tecnologico fornito da CardioCalm sarà possibile portare la cardiologia ospedaliera su tutto il territorio”.

A manifestare il proprio soddisfacimento per tale adesione è anche Fabio Badilini, Presidente di CardioCalm. “La partnership con Avis è per noi molto importante – dichiara Badilini – in quanto significa far arrivare la nostra tecnologia a una delle realtà istituzionali maggiormente radicate nel territorio. Oggi iniziamo con Avis Brescia, ma l’obiettivo è portare questa collaborazione a livello nazionale tessendo una rete in tutta la penisola”.

 

Per il progetto è stato scelto un elettrocardiografo digitale basato su tablet con sim-card preinstallata, aspetto che consente ad Avis di erogare la prestazione presso la sede Provinciale e potenzialmente in tutte le 102 sezioni bresciane.

La qualità del sevizio è garantita da una tecnologia d’avanguardia che permette l’acquisizione, la trasmissione e la refertazione di tracciati in piena rispondenza alle linee guida degli Enti regolatori internazionali. “Essere in buona salute è il principio cardine per essere un buon donatore – evidenzia Gabriele Pagliarini – Presidente Avis Provinciale Brescia -. In questa ottica uno dei compiti dell’associazione è proprio avere cura dei propri donatori e assicurare un servizio di telecardiologia certificata. L’esecuzione dell’elettrocardiogramma ha inoltre un’importanza fondamentale per quanto riguarda la diagnosi e la cura relative alle principali patologie del cuore. Avis, nel ribadire l’importanza degli stili di vita sani, offre così ai propri associati una vera e propria prestazione del tutto gratuita di medicina preventiva”.

Attendi