Cerca la tua sede

Forum Internazionale a Baku: parola a Simon e Francesca
30.08.2019

Condividi su

Una volta concluso il Forum internazionale giovani di Baku, conosciamo meglio dalle loro storie Simon Baraldi, neo Segretario generale IYC e Francesca Gorga, nuova delegata continentale.

 

IYC: un nuovo Segretario per i giovani di tutto il mondo

 

di Simon Baraldi

 

Sono emozionatissimo e onorato per questo nuovo incarico, questa nuova avventura internazionale!!!
un grandissimo ringraziamento ad AVIS Nazionale e Consulta nazionale giovani per aver riposto fiducia in me e avermi dato questa opportunità, sostenendo la mia candidatura.
Un grandissimo e carissimo ringraziamento a tutta la delegazione italiana al Iyf 2019 di Baku; un grandissimo onore conoscervi, un grandissimo piacere passare il tempo con voi!!!
Un grandissimo ringraziamento ad Avis regionale Emilia Romagna per aver creduto in me e per avermi dato l’opportunità di partecipare a questo bellissimo forum, anche dal punto di vista economico, grazie per aver scelto di investire su di me!
Un super grande grande grande (grande!!!) ringraziamento ad Avis bologna per essere la mia seconda famiglia, avermi sempre sostenuto in ogni mia scelta e richiesta, per esserci sempre!!!
Un grandissimo super grazie al meraviglioso gruppo giovani Avis Bologna, del quale ho anche l’onore di essere referente. Davvero ragazze e ragazzi, grazie! Senza di voi in Avis non ci sarebbe futuro, continuiamo il nostro impegno per fare bene il bene!!
Al momento dell’elezione, ho ripensato a quel 14 agosto 2013 in cui ho fatto la visita d’idoneità per diventare donatore di sangue Avis e a quel 27 ottobre 2013, quando ho fatto la mia prima donazione. L’inizio di un’avventura straordinaria, di un viaggio bellissimo, di una vita che vorrei non finisse mai. Grazie!

 

 

Prima di partire per Baku, Simon si era presentato sul profilo facebook della Consulta nazionale giovani in questo modo:

In quale frase, motto o citazione ti identifichi?

“Se tutti donano il sangue, il sangue c’è per tutti”

Quale valore avisino o del volontariato in generale ti rappresenta?

Una storia come quella dell’Avis è iniziata con un atto d’amore oltre 90 anni fa, e merita di continuare ad andare avanti. Noi giovani dobbiamo essere i migliori tedofori della solidarietà e della carità, i principali valori della nostra associazione.

 

 

Francesca: esplorate, sognate, scoprite!

 

E’stata la capodelegazione avisina a Baku ed è tornata in Italia con la nomina a delegata europea della International Youth Committee della Fiods.

Francesca Gorga, giovanissima ingegnere nucleare originaria di Vietri di Potenza, ci racconta questo incarico “come una grande gioia, ma anche come una grande responsabilità. Ci sarà molto da lavorare con i giovani delle altre associazioni europee. Ho avuto modo di riscontrare che le problematiche che ci troviamo ad affrontare sono molto simili. Dovremo fare sinergia e collaborare in particolare per la standardizzazione delle normative tra i diversi Paesi, non solo di quelli che fanno parte dell’Unione europea ma di tutti quelli europei.

Francesca ha iniziato a impegnarsi in Avis da volontaria, a 16 anni, ancora prima di effettuare la sua prima donazione di sangue. Con i 18 anni è diventata donatrice ed è poi cresciuto il suo impegno in Associazione, sia a livello territoriale sia con incarichi nel gruppo giovani.

Prima di partire per Baku, si era così presentata sulla pagina facebook della Consulta nazionale giovani:

 

In quale frase, motto o citazione ti identifichi? 

 

Tra vent’anni sarete più delusi per le cose che non avete fatto che per quelle che avete fatto.
Quindi mollate le cime. Allontanatevi dal porto sicuro. Prendete con le vostre vele i venti.
Esplorate. Sognate. Scoprite.”
Mark Twain

 

Quale valore avisino o del volontariato in generale ti rappresenta? 

 

Il valore che più mi rappresenta dell’Avis è la cura verso gli altri. La volontà di mettere sempre al centro di tutto la persona, sia essa un donatore o un ricevente. Credo che la forza dell’Avis sia proprio in questo, guardare all’altro con gli occhi affettuosi di un amico!

 

Buon lavoro Francesca!

Attendi