Cerca la tua sede

Coronavirus, nuove sospensioni da parte del Cns. Ma le donazioni devono continuare
10.03.2020

Condividi su

Aggiornamento al 16 marzo 2020

 

Ricorrere alla chiamata-convocazione programmata dei donatori per continuare a garantire le raccolte di sangue ed emocomponenti su tutto il territorio nazionale. Ma rimane in vigore la sospensione di 14 giorni per i donatori che abbiano soggiornato nella Repubblica Popolare Cinese e per coloro che, dopo possibile esposizione, sono a rischio contagio di SARS-CoV-2.

 

Sono solo alcune delle nuove misure di sicurezza contenute nella circolare emessa dal Centro nazionale sangue. Dopo il provvedimento dello scorso 8 marzo che revocava i criteri di sospensione, alla luce del decreto emanato dal Presidente del Consiglio che limita gli spostamenti sull’intero territorio nazionale, divenuto “zona rossa” nella sua totalità, il Cns ha stabilito nuove disposizioni al fine di contenere la diffusione del Coronavirus.

 

A fronte delle esigenze delle oltre 1800 persone che, quotidianamente, si curano e vivono grazie alle attività del servizio trasfusionale, il documento cita espressamente di:

 

  • – applicare il criterio di sospensione temporanea di 14 giorni dal rientro per i donatori che abbiano soggiornato nella Repubblica Popolare Cinese;

 

  • – applicare il criterio di sospensione temporanea di 14 giorni dopo la possibile esposizione al rischio di contagio per contatto con soggetti con infezione documentata da SARS-CoV-2;

 

  • – applicare il criterio di sospensione temporanea di almeno 14 giorni dalla risoluzione dei sintomi o dall’interruzione dell’eventuale terapia per i donatori con anamnesi positiva per infezione da SARS-CoV-2 (infezione documentata oppure comparsa di sintomatologia compatibile con infezione da SARSCoV-2);

 

  • sensibilizzare i donatori ad informare il Servizio trasfusionale di riferimento in caso di comparsa di sintomi compatibili con infezione da SARS-CoV-2 oppure in caso di diagnosi d’infezione da SARS-CoV2 nei 14 giorni successivi alla donazione (post donation information).

 

Al fine di evitare l’aggregazione negli spazi comuni, quindi anche nei locali d’attesa, la circolare ribadisce la necessità del mantenimento della distanza di sicurezza di almeno un metro tra le persone e inoltre raccomanda di:

 

  • ricorrere alla chiamata-convocazione programmata dei donatori al fine di regolare il numero degli accessi; ai fini della prevenzione del fattore di rischio rappresentato dal contatto stretto con soggetto affetto da COVID-19;

 

  • – adottare misure di triage preliminare del donatore in occasione del contatto telefonico come da indicazioni di cui all’algoritmo condiviso con il CIVIS, disponibile sul sito del CNS.

 

Infine il Cns raccomanda ad Associazioni e Federazioni dei donatori volontari di sangue di:

 

  • non sospendere le raccolte del sangue e degli emocomponenti, presso le strutture ospedaliere pubbliche e presso le Unità di raccolta associative, nei territori sopra indicati e nell’intero territorio nazionale;

 

  • – garantire, a tutto il personale operante presso le Unità di raccolta, la diffusione capillare e costante delle informazioni inerenti all’epidemiologia del SARS-CoV-2 e alle misure adottate per la prevenzione della trasmissione dello stesso mediante trasfusione di emocomponenti labili.
Attendi