Cerca la tua sede

Coronavirus, così i quotidiani nazionali danno voce al messaggio di AVIS
17.03.2020

Condividi su

«Nessun rischio per chi dona il sangue». Oppure. «Non c’è pericolo di contrarre il Coronavirus durante la donazione». E ancora. «Con la ripresa delle attività chirurgiche entreremo in emergenza». Sono solo alcuni degli appelli lanciati in queste settimane da AVIS Nazionale e dal nostro presidente, Gianpietro Briola, sull’importanza di continuare a donare in questo periodo così delicato.

 

Appelli che tutti i principali quotidiani italiani, dal Corriere della Sera al Sole 24 Ore, passando per l’Huffington Post e Il Fatto Quotidiano, hanno fatto propri contribuendo a diffondere non solo sulla carta stampata, ma anche sui siti internet di ogni testata, una necessità sempre attuale. E il risultato è stato positivo. Ieri infatti, lunedì 16 marzo, Centro nazionale sangue e Civis, il coordinamento delle associazioni di volontari, hanno registrato un impressionante afflusso di donatori in tutte le regioni che ha contribuito a ricostituire le scorte e a garantire la compensazione interregionale. Ma non solo. La bacheca Sistra, che monitora le disponibilità e le carenze regionali, ha anche mostrato un surplus di quasi 900 sacche su tutto il territorio nazionale

 

Dopo gli interventi del presidente Briola nelle principali radio e televisioni, un’ulteriore dimostrazione della sensibilità del mondo dell’informazione verso questo tema delicatissimo e preziosissimo per la salute di migliaia di pazienti.

 

           

 

   

 

Attendi