Cerca
NEWS

Dal virtuale al reale, il progetto di Avis Regionale Calabria

"InVerso" è l’iniziativa che punta a far capire come, grazie alla donazione di sangue, sia possibile comprendere l’importanza di vivere nel mondo reale rispetto al virtuale

 

Una versione integrale e 4 episodi sulla falsariga di una serie tv. Tutto per ribadire il ruolo centrale che la donazione di sangue ricopre all’interno della collettività di cui siamo parte e di come, attraverso di essa, sia possibile capire l’importanza di vivere nel mondo reale e non in quello virtuale.

Stiamo parlando di “InVerso, dal virtuale al reale”, il progetto che Avis Regionale Calabria ha realizzato grazie al cofinanziamento di AVIS Nazionale e che gode dei patrocini di Regione Calabria, Calabria Straordinaria e Calabria Film Commission.

Gli attori di “InVerso”

L’iniziativa, che è stata presentata ufficialmente in occasione dell’Assemblea Generale AVIS in programma a Vicenza dal 24 al 26 maggio, rappresenta un viaggio emozionante fra alcune delle tante bellezze culturali e paesaggistiche del territorio, nonché una profonda riflessione su come il mondo virtuale si stia confondendo sempre più spesso con quello reale. Il contesto è quello dei social e delle nuove generazioni, in quanto ambito imprescindibile per la comunicazione di oggi e di domani. L’ambito di intervento non è solo quello comunicativo, ma soprattutto formativo per scuole, giovani e dirigenti associativi che abbiano la consapevolezza degli strumenti più usati oggi dai ragazzi e sfruttarli in maniera positiva.

La storia è quella di Marco, giovane ragazzo, che inizia a conoscere le bellezze naturali e paesaggistiche della propria terra attraverso la realtà virtuale, strumento noto e di uso comune fra le nuove generazioni. Marco otterrà anche delle informazioni sulla donazione di sangue e plasma, sempre attraverso questi strumenti virtuali e futuristici, ma sarà nel momento stesso in cui sceglierà di donare  che si renderà conto di poterlo fare solo nel mondo reale. Il suo viaggio passerà attraverso l’AVIS-STAR, un “avatar” che sarà una guida nel mondo virtuale per il ragazzo che si renderà sempre più conto che lo strumento può essere un supporto alla vita reale, ma che non può sostituirsi a quest’ultima. Anche per conquistare Iris, la ragazza che tanto desidera, dovrà fare i conti con la sua coscienza che l’accompagnerà per tutto il percorso e con il mondo fisico. La colonna sonora del lavoro è la splendida taranta “Stilla Chjara” del Maestro Cosimo Papandrea, una delle più belle e rappresentative canzoni folk della terra di Calabria, che senza alcun dubbio rispecchia, a livello sonoro, radici e valori profondi che rievocano un amore cantato e romantico, un modo di conquistare la persona amata che, oggi più che mai, andrebbe riscoperto con parole e gesti gentili.

Nel tempo in cui per esprimere il proprio gradimento basta un like su un social e per visitare un luogo lontano non serve spostarsi, per amare così come per salvare una vita occorre farlo concretamente nel mondo reale.

Un progetto innovativo che affronta, in maniera originale, temi associativi e questioni vicine alle nuove generazioni.

 

 

Condividi:

Skip to content