14 giugno 2006 - Giornata mondiale del donatore di sangue

Faide e regolamenti di conti della ndrangheta hanno spesso dato della Calabria e di Gioia Tauro un’immagine negativa. Ma c’è un’altra Gioia Tauro, maggioritaria e silenziosa, che non vuole più vedere sangue sparso inutilmente. E’una Gioia Tauro, che nella significativa circostanza della Giornata mondiale e nazionale del donatore di sangue, si interroga sul valore positivo della donazione di un farmaco insostituibile e non riproducibile in laboratorio. Mercoledì 14 giugno, alle ore 18, presso l’ AulaPoliambulatorio dell’ Ospedale Civile (Via Madame Curie), l’Avis organizza un incontro sul tema della donazione di sangue. Dopo l’introduzione di Pietro Schirripa, presidente dell’Avis comunale, e di Rosario Bellantonio, direttore sanitario ASL 10, interverrà Vincenzo Romeo,presidente AVIS provinciale di Reggio Calabria, sul tema: “Il volontariato dell’AVIS nella società e nella sanità di oggi.” A seguire parleranno Giuseppe Randazzo, responsabile SIT Palmi, su“Autosufficienza obiettivo possibile”, e Tiziana Romeo, vice presidente AVIS Provinciale e presidente GADCO Piana, su“La donazione del sangue del cordone ombelicale nell’ASL 10”. L’incontro sarà moderato da Paolo Marcianò, coordinatore area politiche sanitarie di Avis Nazionale, mentre le conclusioni saranno affidate a Giuseppe Putorti, direttore Generale ASL 10 Palmi.