AVIS accoglie due famiglie di profughi afghani

Tra le persone in fuga dal Paese anche due fratellini emofilici che, dallo scorso agosto, non ricevono più farmaci plasmaderivati. Saranno curati all’ospedale Meyer di Firenze

Sono arrivate questa mattina, all’aeroporto di Milano Malpensa, due famiglie provenienti dall’Afghanistan. Tra loro, accompagnati dai genitori e dalle sorelline, ci sono due dei bambini emofilici che, per le conseguenze socio-politiche che stanno caratterizzando il Paese, dallo scorso agosto non hanno più modo di ricevere le terapie salvavita a base di farmaci plasmaderivati.

 

L’arrivo in Italia rappresenta la tappa conclusiva di un lungo percorso che, nove anni fa, il nostro Paese aveva stretto con l’Afghanistan, soprattutto per mezzo della sinergia tra CNSAVIS (Emilia Romagna e Marche erano state tra le sedi regionali che avevano contribuito all’invio dei fattori VIII e IX in eccedenza), Fondazione Paracelso Onlus e Kedrion Biopharma.

 

Come ha dichiarato il presidente di AVIS NazionaleGianpietro Briola, «questo corridoio umanitario è l’ultimo tassello di un percorso lungo e faticoso, ma necessario, che da adesso offrirà terapie sicure e speranza di vita. Tutto ciò è stato reso possibile grazie all’impegno di numerosi enti e del personale degli uffici di AVIS Nazionale, che ha fornito un prezioso contributo al raggiungimento di un risultato così straordinario. A tutti loro va il mio ringraziamento più sentito».

 

Essenziale e insostituibile il coinvolgimento del Ministero degli Esteri italiano, che si è impegnato per garantire l’incolumità dei due nuclei familiari e il rilascio della documentazione necessaria al loro arrivo nel nostro Paese.

 

Un ruolo centrale va riconosciuto all’ospedale pediatrico Meyer di Firenze, che garantirà l’accoglienza e l’assistenza necessaria alla famiglia e si prenderà cura dei due pazienti emofilici in collaborazione con l’azienda ospedaliero-universitaria Careggi. Un ringraziamento particolare va poi alla Robert F. Kennedy Human Rights - Italia, alla Croce Rossa Italiana - comitato di Firenze, alla Fondazione Campus di Lucca e, soprattutto, ad Avis Regionale Toscana, che fornirà pacchi alimentari, indumenti e supporto logistico.

 

«Dalle persone per le persone. Questo è il senso di ciò che AVIS fa ogni giorno. È bello che l’accoglienza di queste sue famiglie afghane rientri in questa straordinaria quotidianità fatta dell’impegno e della passione dei nostri volontari e di tutti gli altri soggetti che hanno reso possibile questa missione, una rete territoriale di solidarietà che è caratteristica della Toscana», commenta la presidente di Avis Toscana, Claudia Firenze.