BPER Banca e AVIS insieme per promuovere la donazione

L'obiettivo del protocollo d'intesa firmato a Modena è quello di sensibilizzare i dipendenti dell'istituto di credito sull'intero territorio nazionale

BPER Banca, AVIS Nazionale e Avis provinciale di Modena hanno siglato, venerdì 20 gennaio, un accordo per la promozione del dono del sangue tra i dipendenti dell’Istituto bancario su tutto il territorio nazionale.

L’intesa è stata firmata da Gianpietro Briola, presidente di AVIS Nazionale, Cristiano Terenziani, presidente di Avis Provinciale Modena e Giuseppe Corni, Chief Human Resource Officer di BPER Banca, nella sede al Policlinico del Centro Servizi della Facoltà di Medicina e Chirurgia durante il convegno “L’integrazione dei centri raccolta con il polo di lavorazione e produzione degli emocomponenti”.

Alla firma del protocollo sono intervenuti anche il direttore del Centro Nazionale Sangue Vincenzo De Angelis e il Sindaco di Modena Gian Carlo Muzzarelli.

 

Leggi il testo integrale del protocollo

 

L’iniziativa, nei giorni scorsi, ha già coinvolto una settantina di dipendenti nella provincia, che si sono sottoposti ai primi prelievi utili a definire l’idoneità alla donazione direttamente nell’autoemoteca di Avis posizionata al Centro Direzionale di Modena di Bper Banca. Analoga procedura, secondo la convenzione, verrà estesa dopo la firma del protocollo alle principali sedi di BPER Banca sul territorio nazionale.

 

L’accordo sottoscritto a Modena prevede da parte di BPER l’impegno a sensibilizzare i suoi oltre 20.000 dipendenti sull’intero territorio nazionale sull’importanza civile, solidaristica e sanitaria della scelta di donare sangue, alla stregua di quanto già avvenuto in provincia di Modena, e a farsi parte attiva delle iniziative che verranno proposte dalle sedi territoriali di Avis.

 

Avis dal canto suo darà ampia informazione alla rete delle proprie sedi territoriali sulla sottoscrizione dell’accordo, sollecitando i dirigenti locali ad attivarne l’attuazione. In accordo con BPER verrà concordato il materiale informativo a supporto della campagna di sensibilizzazione e sarà sempre a cura di Avis trasmettere annualmente a BPER il report sull’andamento delle adesioni raccolte.

 

Come ha dichiarato Giuseppe Corni, Chief Human Resource Officer di BPER Banca, «abbiamo voluto estendere l’accordo con Avis, già attivo sulla provincia di Modena, a tutto il territorio nazionale per rafforzare impegno e sensibilizzazione verso la promozione del dono del sangue tra i dipendenti del nostro Istituto. Già al Centro Direzionale abbiamo avuto buoni numeri, siamo fiduciosi che verranno replicati e moltiplicati nelle altre città italiane».

 

Per Avis si tratta di un traguardo importante in termini di diffusione della cultura del dono e un segnale di una crescente sensibilità da parte del mondo economico verso la responsabilità d’impresa sulle tematiche sociali, che potrà stimolare altre iniziative analoghe anche in altri contesti.

 

Come ha spiegato il presidente di AVIS NazionaleGianpietro Briola, «diffondere e condividere quanto sia importante la cultura del dono e della solidarietà sono da sempre obiettivi fondanti del nostro essere volontari e avisini. Il fatto di aver sottoscritto il protocollo d’intesa con una realtà di riferimento, non solo in Emilia Romagna, ma in tutto il territorio nazionale come BPER, va proprio nella direzione di una costante e sempre crescente opera di informazione e coinvolgimento della collettività di cui siamo parte. La consapevolezza di compiere un gesto determinante per la vita e la salute di migliaia di pazienti è ciò che ispira quotidianamente la nostra azione: da oggi avremo un alleato in più al nostro fianco».

 

«È motivo di orgoglio sottoscrivere questo protocollo con BPER Banca – ha dichiarato Cristiano Terenziani, presidente di Avis Provinciale Modena – una realtà nazionale con sede e radicamento nella società modenese. L'approccio con le realtà economiche e aziendali rappresenta per la nostra associazione un ritorno alle origini, che oggi diventa una sfida fondamentale per il futuro. L'educazione alla salute e alla solidarietà sono per noi valori imprescindibili, il cui impatto sociale diventa più evidente quando possiamo condividerli con partner importanti che ne favoriscono attivamente l’attuazione verso i propri dipendenti e verso l’intera comunità».

 

L’operatività del protocollo prenderà il via per step successivi dalla seconda metà di marzo, partendo dalle province con maggior densità di dipendenti di BPER banca.