Cerca
NEWS

Sport e donazione: AVIS e CISM all’università di Perugia

In virtù del protocollo d’intesa sottoscritto un anno fa, nei giorni scorsi, in collaborazione con la nostra sede Regionale Umbria, è stato organizzato il convegno “Il rapporto tra donazione di sangue e le attività motorie, sportive e non. Il ruolo del chinesiologo triennale e magistrale”

 

Un evento particolarmente sentito. Il primo, a livello nazionale, proprio in occasione dell’anniversario della firma del protocollo d’intesa. Questo è stato “Il rapporto tra donazione di sangue e le attività motorie, sportive e non. Il ruolo del chinesiologo triennale e magistrale”, il convegno organizzato nei giorni scorsi nella facoltà di Scienze Motorie dell’università degli studi di Perugia dal CISM (il Comitato italiano scienze motorie) e da Avis Regionale Umbria.

Il presidente di Avis Regionale Umbria, Enrico Marconi, durante il suo intervento

L’appuntamento ha rappresentato una preziosa occasione per rinnovare l’impegno che, a livello nazionale, venne sancito con un accordo ufficiale il 28 novembre 2022, per promuovere la diffusione di corretti stili di vita, sia nel contesto della donazione di sangue e plasma che dell’attività motoria. L’incontro di Perugia, che agli studenti è valso come credito formativo, ha visto intervenire il professor Andrea Biscarini (coordinatore del corso di laurea triennale in Scienze Motorie), il prof. Giuseppe Rinonapoli (coordinatore dei corsi di laura magistrale in Scienze Motorie), Michele Toniaccini (presidente di ANCI Umbria), Enrico Marconi (presidente di Avis Regionale Umbria), Maruska Armelao (presidente del CISM Regione Umbria), Marco Nulli (delegato nazionale ai rapporti tra CISM e AVIS), Erica Porrini (Dietista) e Claudia Moscetti (Medico di Medicina Trasfusionale).

Dopo aver sottolineato l’importanza a livello formativo e sociale del convegno, nei saluti iniziali è stato ribadito il ruolo strategico della donazione non solo in ottica di stabilità del sistema sanitario nazionale, ma anche come procedura terapeutica salvavita per molteplici pazienti. In particolare la dottoressa Moscetti ha illustrato il percorso degli emocomponenti, dalla fase della raccolta alla lavorazione, fino alla loro applicazione, generando poi un dibattito molto interessante sulla centralità sempre crescente che i chinesiologi stanno acquisendo nella presa in carico di atleti e persone con determinate condizioni fisiologiche che sono anche donatori di sangue.

La sala gremita di studenti durante il convegno all’università di Perugia

Spazio è stato dedicato anche al tema delle donazioni tra le nuove generazioni che, come ha ricordato il presidente di Avis Regionale Umbria, Enrico Marconi, «ci vede attivi nell’organizzare e portare avanti campagne di sensibilizzazione, anche grazie alla nostra Consulta Giovani, soprattutto in ambiente scolastico, sportivo e rieducativo, stringendo accordi di collaborazione con società e organi sportivi del territorio». Sempre in tema di partnership, significativi sono stati i programmi avviati con alcune Avis locali, come ad esempio “Il benessere a portata di AVIS”, condotto dalle dottoresse Armelao e Porrini con la sede Comunale di Tuoro sul Trasimeno.

A margine del convegno, il delegato nazionale ai rapporti tra CISM e AVIS, Marco Nulli, ha spiegato che «come CISM abbiamo voluto fortemente questa collaborazione con AVIS, stretta giusto un anno fa, e non poteva esserci modo migliore per festeggiare questo nostro primo compleanno insieme. Stiamo lavorando perché format come quello portato a Perugia si possano ripetere anche in altre regioni per essere di ispirazione nel raggiungere gli obiettivi che ci siamo prefissati, come la promozione dei corretti stili di vita e l’aumento delle donazioni di sangue sia tra gli sportivi che tra le fasce d’età più giovani».

Condividi:

Skip to content